La via d'uscita

Domenica, 28 Agosto 2016 14:57

Signore,

dicevo pensando ad una certa situazione stagnante

qual è la chiave per uscire dal problema?

Per quanto mi sforzo di andare oltre, mi ritrovo sempre impantanata negli stessi errori e bloccata in una specie di prigione senza uscita.

Qual è la cosa che mi sfugge che devo assolutamente fare, dire o maturare per essere finalmente libera?

Penso a Giobbe che fu fuori dalla prova solo dopo aver riconosciuto la tua signoria e aver pregato per i suoi amici inopportuni, penso a Nebucodonosor che venne restituito al suo regno non appena si umiliò e riconobbe che la propria grandezza era merito tuo e penso a Stefano che si addormentò per sempre e fu liberato dal dolore non appena invocò la misericordia di Dio per la vita dei suoi assassini crudeli.

La loro svolta arrivò subito dopo le loro azioni e le loro confessioni.

Cosa mi manca per chiudere questo capitolo della mia vita?

C’è qualcosa che ritarda il mio affrancamento?

Published in Dany Blog

Perdite che producono ricchezza

Domenica, 19 Giugno 2016 17:44

Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non dà frutto, lo toglie via; e ogni tralcio che dà frutto, lo pota affinché ne dia di più. (Giovanni 15:1,2)

 

Io non sono un pollice verde.

Lo dimostra il fatto che non possiedo al momento nella mia abitazione neanche una piantina grassa in un vasetto da diametro sette.

Purtroppo dimentico di annaffiare con regolarità e quando ricordo di farlo arrivo molto spesso troppo tardi.

Non so nulla sulla cura di orti, serre e giardini.

L’unica cosa che so in merito al giardinaggio è che non ho mai amato le potature.

Quand’ero ragazza l’area verde che circondava la mia casa mi era del tutto indifferente.

Non avevo tempo né interesse ad ammirare come mia mamma ogni rosa che sbocciava o ogni limone che maturava.

Il verde che faceva da cornice alla nostra villetta era incapace di attirare l’attenzione di un’adolescente come me tranne, però, nei giorni di potatura.

“Perché questo scempio?”

protestavo osservando cataste di rami ai piedi del salice monco.

Published in Dany Blog

In fondo al pozzo

Domenica, 11 Ottobre 2015 20:54

PERDERE LA FEDE E RITROVARLA

   La giovane donna guardava curiosa nel pozzo.

Qualcuno aveva rimosso la grata che lo sigillava.

Sporse la testa e sentì echeggiare il suo respiro.

Poggiò le mani sulle pareti della cisterna e un sassolino scivolò giù facendo un sonoro splash.

“Deve essere molto profondo!” pensò divertita.

Quella per lei era un’esperienza nuova.

Dalla città da dove veniva non era facile imbattersi in un pozzo funzionante.

“Roba d’altri tempi!” pensò.

“Roba d’altri tempi!” disse un attimo dopo creando un gran rimbombo.  

Si trattenne ancora un po’ come una bimba alla scoperta del suo nuovo gioco. 

Sussurrava e gridava parole e poi aspettava che queste le ritornassero indietro come bolle di sapone che scoppiano in faccia.  

Trascorse cinque minuti veramente spassosi finché qualcosa di meno piacevole avvenne.

Published in Dany Blog

   Si prevedeva un lungo, ma piacevole viaggio di ritorno.

Le vacanze natalizie erano ormai giunte al termine e io ero pronta per tornare a casa.

Saltai in macchina  e allacciai la cintura, felice all'idea di godermi il panorama del litorale Adriatico.

La spensieratezza dei giorni trascorsi con i parenti mi aveva ricaricato di nuove energie:

non solo a livello emotivo, ma anche in termini di calorie acquisite!

La mia abituale cinta di cuoio mi comunicava che il mio punto vita era  più largo del solito.

In effetti, l'unica nota dolente di quella bella vacanza era stata l'eccesso di cibo.

Mi sentivo in colpa all'idea di tutto quello che avevo mangiato.

La determinazione, però, a tornare quanto prima a una alimentazione sana e moderata, mi aiutava a superarne il disagio.  

«Vuoi dei dolcetti alle mandorle?» mi chiese mia madre mentre infilava un piccolo vassoio di pasticcini sotto il cruscotto proprio di fronte al mio sedile.

Published in Dany Blog

L'antidoto per la delusione

Domenica, 20 Dicembre 2015 21:52

Quelli che lo guardano sono illuminati, nei loro volti non c'è delusione.(salmo 34:5)

   Quando ti soffermi ad ammirare la bellezza di Dio, la sua luce ti illumina il viso, le tristi rughe accigliate della fronte si distendono e ti si accende in volto un’espressione felice e rilassata.

Il suo splendore ti sorprende e ti lascia spesso senza parole.

Dio è come una potente energia luminosa, se lo contempli il cuore si riscalda e ti ricarichi di una forza nuova.

In quei momenti non è possibile sperimentare delusione, ma solo tanta genuina meraviglia.

Lui è grande, bello, forte, intelligente e tanto buono.

Guardarlo con gli occhi del cuore è come ammirare un tramonto dai colori caldi e intensi: una bellezza che ti stupisce, ti pervade e poi ti eleva.

Published in Dany Blog

   La giornata volgeva al termine e, visto come erano andate le cose, non era possibile annoverarla tra quelle esaltanti né tra quelle produttive né tanto meno tra quelle felici.

L’insieme di alcuni avvenimenti negativi e risultati deludenti suscitarono in me una gran voglia di concludere presto quel giorno noioso e ricominciarne subito un altro.

Published in Dany Blog